Patente C

Consente di guidare principalmente autocarri e veicoli adibiti al trasporto merci. Attraverso un percorso didattico semplice e intuitivo, diventerai padrone delle principali materie oggetto d’esame. Le conoscenze acquisite sono diverse, come: ostacolo alla visibilità a causa delle caratteristiche del veicolo, influenza del vento, normative in vigore in tema di pesi e dimensioni, normative in vigore in tema di ore di guida e di riposo e sull'utilizzo del cronotachigrafo, sistemi di frenata, precauzioni nei sorpassi, interpretazione delle carte stradali.

Superata la prova teorica, potrai iniziare a esercitarti alla guida del veicolo, messo a disposizione dalla nostra autoscuola. Il percorso di pratica si snoda attraverso i principali passaggi necessari ad acquisire la corretta padronanza del mezzo.

Con la Patente C potrai guidare:

  • autoveicoli destinati al trasporto di cose (merci) di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t, anche se trainanti un rimorchio leggero (cioè fino a 750 kg).
  • macchine operatrici eccezionali, quali gru o scavatori
  • Tutti i veicoli conducibili con le patenti AM, B e C1


La Patente C vale 5 anni, fino a 65 anni. A partire da questa data, la durata è biennale ed è necessario ottenere un certificato da parte della commissione medica locale (le nostre autoscuole possono aiutarti anche per il rinnovo e tutte le questioni burocratiche).

Patente B+E

La Patente B-E ti consentirà di guidare tutti i veicoli che puoi guidare con le Patenti AM e B (anche B96) in aggiunta a:

  • autoveicoli che puoi guidare con la patente B (fino a 3,5 t e 9 posti totali) trainanti un rimorchio o un semirimorchio di massa fino a 3500 kg, anche se il complesso dei due veicoli supera i 4250 kg.


Il valore massimo ammissibile della massa rimorchiabile è limitato dal rapporto tra la massa complessiva a pieno carico del rimorchio e la massa complessiva a pieno carico della motrice, costituenti un complesso di veicoli. Detto rapporto, non deve superare: 

a) 1,5 se il rimorchio (esclusi i semirimorchi) è dotato di un dispositivo di frenatura continua;
b) 1,45 se il rimorchio è un “semirimorchio” dotato di frenatura continua;
c) 1,0 se il veicolo trainante è di categoria diversa da M1 (trasporto persone fino a 9 posti) e ha massa massima non superiore a 3,5 t e il rimorchio è munito di freno di servizio;
d) 0,8 se il complesso di veicoli non è provvisto di dispositivo di frenatura di tipo continuo ed automatico. Per le autovetture, per gli autoveicoli per trasporto promiscuo di persone e cose e per le autocaravan, in ogni caso, il valore della massa rimorchiabile non può essere superiore al valore della tara (massa del veicolo in ordine di marcia più il conducente) di tali veicoli; 
e) 0,5 nei casi in cui il veicolo trainato non sia provvisto di dispositivo di frenatura. 

Per gli autoarticolati i valori massimi di cui sopra si riferiscono al rapporto tra la massa massima sugli assi del semirimorchio e la tara del trattore aumentata del carico massimo gravante sulla ralla. Per massa rimorchiabile del trattore si deve comunque intendere la massa complessiva a pieno carico del semirimorchio. Infine, non è ammesso il traino di veicoli privi di idonei dispositivi di frenatura, qualora prescritti, salvo quanto previsto dall'articolo 63, comma 2, del codice. 

Patente B Speciale

La Patente Speciale è la patente di guida che attesta l'idoneità del conducente diversamente abile, a condurre un'autovettura modificata secondo le proprie esigenze.

Sono interessate le persone con problematiche anatomiche o funzionali a carico degli arti o della colonna vertebrale, che devono conseguire o confermare la validità o effettuare la revisione della patente speciale di categoria A, B, C e D (denominate rispettivamente AS, BS, CS, DS) purché la relativa funzione possa essere vicariata (sostituita efficacemente) con l'adozione di adeguate protesi o attraverso specifici adattamenti del veicolo. 


Per ottenere il rilascio delle patenti speciali, la persona diversamente abile dovrà sostenere una visita di idoneità presso la Commissione Medica Locale preposta. Nelle grandi città, le commissioni possono essere molte, divise nelle maggiori Aziende ASL. 

La Commissione medica locale, in genere, è presieduta dal Responsabile di medicina legale della ASL di competenza, più altri due medici. Alle volte, è integrata da un medico dei servizi territoriali della riabilitazione e da un ingegnere della Motorizzazione locale, oltre che da personale specialistico laddove necessario. 


Per la visita di idoneità, dovrai presentare un documento di riconoscimento in corso di validità e un certificato medico redatto dal tuo medico di fiducia su apposito modulo (certificato anamnestico). Nel corso della visita potrebbe essere richiesta documentazione aggiuntiva in relazione al tipo di patologia sofferta. 


Se nel corso della visita e delle analisi dei certificati, la Commissione dovesse avere perplessità sull’idoneità alla guida, l’allievo dovrà effettuare una prova pratica alla guida di un veicolo "adattato in relazione alle particolari esigenze". In sostanza, l’idoneità non potrà essere rifiutata solo sulla scorta di evidenze cliniche. Il certificato di idoneità rilasciato dalla Commissione Medica Locale vale per 90 giorni.

Patente B1

Per conseguire la Patente B1 dovrai aver compiuto 16 anni, frequentare lezioni e corsi di guida e completare la prova teorica e quella pratica. Una volta superata la prova pratica, riceverai il Foglio Rosa che ha validità sei mesi e consente le esercitazioni su strada.

Con la Patente B1 potrai condurre:

i quadricicli non leggeri di massa a vuoto fino a 400 kg (550 kg per i veicoli destinati al trasporto di merci), esclusa la massa delle batterie per i veicoli elettrici, di potenza massima fino a 15 kW.

Con la patente B1 puoi inoltre guidare i veicoli conducibili con la patente AM (ciclomotori a 2 o 3 ruote e quadricicli leggeri, le cosiddette “macchinine”).

Chi è il neopatentato? 
Sei tecnicamente “neopatentato” se hai conseguito la patente da meno di 3 anni. Questo comporta il raddoppio della decurtazione dei punti dalla patente in caso di infrazioni che lo prevedano. Per i primi 3 anni è vietato guidare dopo avere assunto bevande alcooliche e sotto l’influenza di queste (TASSO 0).

I neopatentati delle patenti B1, per i primi tre anni dal conseguimento, devono rispettare specifici limiti massimi di velocità che sono 100 km/h in autostrada e 90 km/h sulle strade extraurbane principali.

Patente B

Per conseguire la Patente B dovrai aver compiuto 18 anni, frequentare lezioni e corsi di guida e completare la prova teorica e quella pratica. Una volta superata la prova pratica, riceverai il Foglio Rosa che ha validità sei mesi e consente le esercitazioni su strada.

Con la Patente B potrai condurre:

- gli autoveicoli di massa complessiva non oltre le 3,5 tonnellate e con un numero di posti a sedere non superiore ad 8, conducente escluso. Potrai quindi guidare autocarri, autocaravan (camper), purché non eccedano la massa sopra indicata. Con la Patente B potrai condurre uno dei suddetti veicoli anche se trainano un rimorchio leggero (fino a 750 kg).
- gli autoveicoli di cui sopra (max 9 posti e 3,5 t) che trainano un rimorchio di massa superiore a 750 kg purché la somma delle masse massime autorizzate del complesso di veicoli (motrice + rimorchio) non sia superiore a 4250 kg. Ma attenzione, se la massa del suddetto complesso di veicoli è superiore a 3500 kg, per essere abilitato a guidarlo devi prima superare uno specifico esame di guida e sulla patente sarà riportato il codice 96 (codice armonizzato UE).
- le macchine agricole, comprese quelle eccezionali.
- le macchine operatrici purché non eccezionali.
- tricicli di potenza non superiore a 15 kW e quadricicli

Con la Patente B potrai anche condurre, ma solo in Italia:

- motocicli fino a 125 cm3, con un massimo di 11 kW di potenza e con un rapporto potenza/peso non superiore a 0,1 kW/kg 
- tricicli di potenza superiore a 15 kW ma solo se hai almeno 21 anni 

Con la patente B puoi inoltre guidare i veicoli conducibili con le patenti B1 (quadricicli a motore) e AM (ciclomotori a 2 o 3 ruote e quadricicli leggeri, le cosiddette “macchinine”).

Altri articoli...

  1. Patente A
  2. Patente AM

Pagina 2 di 3